CANTINA MONTE TONDO

La Cantina Monte Tondo è una macchia di giallo ocra e mattoni a vista che demarca la decina di archi che la connota. Si perde nel verde dei vigneti.

Fa bella mostra di sé nel circondario e la si scorge percorrendo il tratto di autostrada A4 che costeggia l’area del Soave Wine Park. L’Azienda, gestita da più di tre generazioni dalla famiglia Magnabosco, ce la racconta Marta, la più giovane dei tre figli di Gino e Paola .

E così è, se si considera che genitori e figli seguono la gestione dell’azienda in tutte le sue fasi – dalla vendemmia all’imbottigliamento – con costante attenzione tanto alla qualità delle uve, tanto all’innovazione nelle tecniche di produzione. Il risultato è un prodotto che spazia sui mercati di tutto il mondo e porta a casa fior fiore di riconoscimenti.

0112-MONTETONDO

Senza trascurare il fatto che si sta parlando di vino del territorio – Soave e Valpolicella – perfetto quindi da degustare in loco, presso la Cantina, che dispone pure di un piccolo, ma intrigante, museo contadino. Quindi, si parte da un’accurata visita guidata e uno scorcio alla bottaia con illustrazione delle fasi di affinamento in barrique. Se il tour affascina, complice anche la passione che trasmette Marta nel raccontare i suoi prodotti e la loro storia, la degustazione entusiasma. I formaggi e i salumi locali che accompagnano i bicchieri di bianco e di rosso, incoraggiano ad approfondire la conoscenza del territorio, a sostarvi un po’ di più. Impossibile lasciare la cantina a mani vuote: gli acquisti allo shop sono immancabili.

0299-MONTETONDO

Questa formula, che caratterizza molte delle aziende agricole situate nell’area del Soave Wine Park, ben esprime il rapporto stretto che lega le persone, e le famiglie stesse, al territorio di origine e alle colture di prodotti autoctoni. È un legame che sa di radici, di conoscenza tramandata di generazione in generazione, di amore per la propria terra e per il proprio lavoro. È orgoglio per quel che si crea e testimonianza di saperi e valori. È voglia di aprirsi al globale, ai viaggiatori e ai turisti che cercano e apprezzano le eccellenze del made in Italy.

Grazie a Marta che, ancora una volta, ce l’ha fatto capire e toccare con mano.

0160-MONTETONDO

Le uve, i Magnabosco, le coltivano da sempre, e oggi vantano trentadue ettari di vigneto aggrappati alle colline soavesi e del valpolicella. I siti portano i nomi di: Monte Tenda, Monte Foscarino e Monte Tondo. Sembra proprio un bel programma!

Alla Monte Tondo poi, da qualche anno, l’attenzione al cliente è diventata attenzione all’ospite. La proposta include infatti anche l’attività di agriturismo con la disponibilità di camere e mini appartamenti, inclusa una zona relax con piscina cinta da vigne e olivi.